Lun – Ven: 9.00 – 18.00 · Sabato: 9.00 - 13.00 · Domenica: Chiusi

La stima dell’energia associata alle deformazioni riportate dai veicoli e l’individuazione della configurazione dei veicoli alla collisione sono presupposti fondamentali ai fini della ricostruzione di un incidente stradale.

Negli approcci classici, la configurazione dei veicoli all’urto è determinata in modo approssimato in base all’osservazione dell’andamento delle deformazioni; il relativo valore di EES è individuato in base a confronti fotografici o in base a misurazioni parziali – e di difficile esecuzione – sul veicolo deformato.

Modello 3D ricavato con tecniche di CV
Modello 3D ricavato con tecniche di CV

Le moderne tecniche di Computer Vision consentono invece di ricavare il profilo di deformazione dei veicoli danneggiati utilizzando procedure semiautomatiche, che necessitano esclusivamente delle fotografie del mezzo. I profili possono poi essere convenientemente utilizzati per ricavare con precisione le modalità di collisione e per ottenere in modo pressoché automatico una stima del valore di EES, tramite il modulo CRASH3 implementato in PC-Crash.

Le tecnologie di Computer Vision consentono quindi di ottenere informazioni molto più accurate e in minor tempo di quanto sia possibile con il semplice raffronto visivo, senza richiedere l’acquisto di costose strumentazioni.

Allo scopo di diffondere l’utilizzo di queste tecnologie all’interno della comunità scientifica dei ricostruttori di incidenti stradali, lo scorso 26 Novembre 2015, nell’ambito del XVI Convegno Nazionale PC-Crash, il nostro Studio ha organizzato una giornata di studi dedicata all’utilizzo delle tecniche di computer vision e sul loro utilizzo all’interno del software PC-Crash.

Per tutti gli interessati, il report dell’evento è scaricabile al link seguente.

Download “Report Tecnico Giornata di Studi 26 Novembre 2015” Report_Giornata_di_Studi.pdf – Scaricato 863 volte –

Vuoi più informazioni? Contattaci!

Write a comment:

*

© 2015 Studio Del Cesta